IT

Santi e beati

Beata Osanna da Cattaro

Osanna di Cattaro, suora domenicana e vergine, nacque a Releza nel 1493 e morì a Cattaro nell'aprile del 1565. Fu pastora e divenne la serva di Dio abitando nei pressi della cattedrale di San Trifone dopo la morte del padre. Fu lì, il Venerdì Santo del 1513, che decise di dedicarsi all'osservazione della Passione di Cristo, alla preghiera, alla penitenza e alle opere samaritane.

Visse dapprima come penitente e due anni dopo entrò nel Terz'Ordine di San Domenico, prese i voti religiosi e prese il nome di Osanna in onore della beata Osanna di Mantova. Grazie ai 44 anni trascorsi nella preghiera e nella penitenza, sperimentò l'unione mistica con Cristo.

Essendo un'abile ricamatrice, i suoi corporali ricamati sono ancora oggi conservati nel Duomo di Cattaro. Ha donato tutto il suo reddito ai poveri.

A Cattaro, sua città natale, era conosciuta come “maestra di mistica” perché venerava particolarmente la Passione di Cristo. Trascorreva la maggior parte del suo tempo nella preghiera e nel sacrificio per le anime del Purgatorio. Per le sue azioni è considerata da molti un'apostola dell'unità dei cristiani e una santa patrona del movimento ecumenico.

Sul letto di morte ricevette i santi sacramenti dal suo confessore, p. Tommaso Basco, e venivano lette le descrizioni della Passione di Cristo dal Vangelo di Giovanni.

Il corpo incorrotto di Osanna di Cattaro fu custodito nella chiesa di S.Paolo fino al 1807 quando fu trasferito nella chiesa di S. Maria.

La gente la venerava come santa e Papa Pio XI ne approvò la venerazione a Roma nel 1927.

Insieme a San Trifone, Osanna di Cattaro divenne la santa patrona di Cattaro poiché salvò la città nei momenti peggiori di terremoti e pestilenze.
Podijelite na: